La rete di ricerca Google

La rete di ricerca è composta da Google Play, Google Shopping, Google Immagini e Google Maps, inclusa l’app Maps ma anche dai Partner di ricerca di Googlche includono includono centinaia di siti web non Google, nonché Google Video e altri siti Google.

Nelle impostazione di una campagna possiamo decidere se abilitare o meno la rete di ricerca e quindi se mostrare o meno anche li gli annunci.

La caratteristica del traffico generato dalla rete di ricerca è quella di avere un CTR (click through rate) molto basso. Ma questo è dovuto al fatto che spesso i siti partner di ricerca non sono ottimizzati per far si che l’utente clicchi sull’annuncio perché vorrebbe dire portare fuori l’utente dal proprio sito web. Nonostante questo non bisogna preoccuparsi visto che il CTR della rete di ricerca non influisce sul punteggio di qualità.

Cosa fare quindi per ottimizzare le campagne quando la rete di ricerca è abilitata? Per prima cosa bisogna cercare di identificare il traffico che proviene da li ( come abbiamo detto spesso quello con il CTR più basso). Alcune volte è anche quello composto da keyword molto lunghe che non hanno molto senso ma che hanno tante impression. Questo perché a volte alcuni partner considerano il percorso di categorie del sito come keyword un esempio che mi è capitato su uno degli account per i quali lavoro è stato libri studenti medicina anatomia anatomia umana. Capite bene che nessuno cercherebbe in quel modo. Guardando ai termini di ricerca possiamo tranquilli aggiungere keyword negative che possano impedire che queste situazioni si verifichino.

Sfortunatamente non è possibile escludere alcuni siti da quelli dove gli annunci vengono pubblicati, cosi come avviene in occasione di campagne display.

Vale la pena attivare la rete di ricerca? La risposta è molto semplice e non è una vera e propria risposta. Dipende da i vostri obiettivi e se la rete di ricerca vi aiuta a raggiungerli. Decidere o meno di abilitare la rete di ricerca è una scelta che va fatta a livello di campagna. In base alle performance della rete di ricerca sulla singola campagna si può decidere o meno come comportarsi. Solitamente può essere una buona idea attivare la rete di ricerca su le campagne brand o su campagne di retargeting dove c’è una maggiore conoscenza del marchio o comunque l’utente è già entrato in contatto con l’azienda.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disponibile anche su:

Iscriviti alla newsletter